1

slow food mar 19 pagani

DOMODOSSOLA- 25-03-2019- Stamane nella sede dell'Istituto Rosmini

Ossola Dimensione Verde (Gianni Turba), Condotta Valle Ossola Slow Food (Piero Pagani) e Radio Esse Effe (Cecilia Milano), presenti la Dirigente Scolastica dell'Istituto Comprensivo di Baceno dr.ssa Ornella Barre e la Direttrice dell'Istituto Rosmini Suor Roberta Vienna, hanno presentato agli organi della stampa locale il progetto “Una Fiaba, una Matita, un Evento”, a cui hanno aderito la Scuola dell'Infanzia dell'Istituto Rosmini di Domodossola, la Scuola dell'Infanzia dei Padri Cappuccini di Domodossola e la Scuola dell'Infanzia di Croveo.

L'obiettivo che il progetto si propone, è quello di rimarcare l'importanza che le fiabe hanno nell'educazione dei bambini, sia per la loro contiguità territoriale, sia per il concetto morale che sempre trova spazio nelle conclusioni finali del racconto.

Purtroppo le nuove generazioni genitoriali, immerse in una tecnologia sempre più invasiva, hanno totalmente dimenticato l'enorme valore educativo che può comportare la lettura di una fiaba ai propri figlioli, specie se opportunamente commentata in maniera semplice ma significativa.

Il progetto si struttura su quattro fasi distinte.

La prima fase prevede, entro la corrente settimana, la lettura di una fiaba, scritta appositamente per l'evento da Gianni Turba con soggetto un folletto Walser, ai bambini delle tre scuole da parte delle rispettive Maestre, con commento finalizzato a evidenziare la morale che la fiaba esprime, in questo caso l'ingratitudine, e chiarimenti a eventuali domande che potrebbero essere poste in proposito.

Contestualmente gli Organizzatori consegneranno a ciascun bambino una speciale matita con la quale dovranno eseguire un disegno che abbia attinenza al testo della fiaba, da ultimare entro il prossimo mese di giugno.

La seconda fase del progetto si terrà al termine del corrente anno scolastico (entro fine giugno), con il ritiro dei disegni e delle matite utilizzate per tale scopo, da parte degli Organizzatori.

I disegni così approntati verranno esaminati da una speciale Commissione che deciderà, per ogni classe partecipante, quello ritenuto più efficace e rappresentativo della fiaba.

La terza fase avrà inizio alle ore 10.00 di una giornata di sabato (l'ultima di settembre/la prima di ottobre, la data verrà opportunamente comunicata all'inizio del nuovo anno scolastico), alla Prateria di Domodossola.

Nel salone polifunzionale della struttura verranno esposti tutti i disegni realizzati per consentirne la visione da parte dei bambini partecipanti al progetto e dei loro genitori.

Nella tarda mattinata, un esperto nutrizionista di Slow Food in collaborazione con la Condotta Valle Ossola,, terrà una conferenza sull'alimentazione infantile.

Per chi vorrà poi pranzare nel ristorante della Prateria, previa prenotazione, è previsto

un menù a prezzo molto contenuto.

Nel pomeriggio i bambini potranno partecipare a giochi e a una caccia al tesoro, appositamente allestiti all'aperto per l'occasione.

Alle 15.00 ci si trasferirà nell'area orticola ai piedi del Sacro Monte Calvario, gestita dalla Condotta Valle Ossola di Slow Food, per effettuare la piantumazione delle speciali matite utilizzate dai bambini per i disegni, poiché al loro interno contengono semi di diverse tipologie (fiori, erbe aromatiche, piccoli arbusti), che daranno vita a nuove piantine.

La quarta fase, di certo la più significativa, si terrà alle 16.30 nel salone-teatro della Cappuccina, dove verrà proposta la rappresentazione teatrale della fiaba, con la partecipazione di alcuni bambini delle tre scuole aderenti al progetto, di attori di una compagnia teatrale, di una scuola di danza e di un'orchestra.

Prima dell'inizio della rappresentazione, il Sindaco di Domodossola Lucio Pizzi, consegnerà una targa ricordo dell'evento alle rappresentanti delle tre scuole, oltre a un attestato di merito al bambino di ciascuna scuola, il cui disegno sarà stato ritenuto più significativo rispetto al tema della fiaba, dall'apposita commissione.

In questa fase, inoltre, saranno presenti numerosi rappresentanti delle associazioni Walser, tra cui Agaro, Macugnaga, Ornavasso, Campello Monti, Gressoney, Bosco Gurin, Alagna, Rima e Rimella.

P.P.