1

vb panorama da cavandone

VERBANIA - 25.03.2019 - Tutti coloro

che credevano che grazie al lago e alle montagna a Verbania si vivesse in un'oasi climatica farebbero bene a cambiare idea. Tra le 107 città capoluogo di provincia, la città si piazza agli ultimi posti. Al centesimo per la precisione, peggio in Piemonte fanno solo Novara e Vercelli (rispettivamente 103ma e 104ma) e persino a Milano (42° posto) il clima è migliore. Tutto questo secondo l’Indice del clima elaborato dal Sole 24 Ore, un'istantanea del benessere climatico nelle 107 città capoluogo attraverso 10 indicatori che rilevano le performance meteorologiche dal 2008 al 2018.
Il dato più clamoroso, in un risultato complessivo già inaspettatamente penalizzante, è quello relativo all'indicatore degli "eventi estremi", dove la città si piazza ultima, ovvero come spiega a Il Sole il meteorologo Daniele Olivetti di 3BMeteo, società che ha fornito il database su cui è stato elaborato la classifica - "L’indice prende in considerazione eventi anche non catastrofici, con una soglia di accumulo maggiore a 40 millimetri ogni sei ore. Restituisce la frequenza di questi accadimenti, ma non la magnitudo: può piovere anche 200 millimetri in una sola ora".
Traducendo, Verbania è la città più colpita dalle cosiddette “bombe d’acqua” a causa soprattutto della sua geomorfologia (sotto le Prealpi). Allo stesso modo, è la città italiana nella quale piove di più, ultima in classifica (o prima se vogliamo leggerla al contrario) con 124 giornate annue di pioggia.
Come si spiega questa graduatoria in un anno così secco? Gli estremi, precisa l'inchiesta, vanno contestualizzati nell’arco di tempo decennale "Gli accadimenti del singolo anno non incidono nell’indice. Si tratta di variazioni cicliche come quelle dell’ultimo anno, molto piovoso in Sicilia e asciutto in Piemonte".
In compenso, Verbania è al 24mo posto tra le città italiane per l'indice del calore, dove si considerano i giorni con un temperatura percepita superiore ai 30 gradi; e 32ma per le ondate di calore (3 giorni consecutivi con una temperatura di più 30); di contro la città precipita al 93mo posto per l'indice che misura la rinfrancante "brezza estiva". Valore da non confondere con le raffiche di vento superiori ai 25 nodi, indice grazie al quale Verbania risale al 42mo posto con oltre 10 giorni l'anno molto ventosi. Sempre a metà classifica (46mo posto) il piazzamento relativo all'umidità relativa, ovvero al conto dei giorni annui fuori dal comfort climatico (superiore al 70% o inferiore al 30%). L'indice dei giorni freddi (giorni annui con temperatura massima percepita inferiore ai 3°), colloca Verbania al 59mo posto; è invece al 31mo per la presenza di nebbia ma solo 104ma per le ore di soleggiamento.

Se è vero che su questi dati nulla possono influire le politiche locali, è altrettano vero che chiunque si prepari a essere sindaco di Verbania dovrà tenerne conto perchè se è impossibile fermare una bomba d'acqua, si possono tenere alvei puliti e tombini sgombri per limitare i danni.