1

wolf 3241382 960 720

VCO - 15-04-2019 -  Il lupo al centro del dibattito politico nazionale in seguito alla diatriba aperta dal ministero dell'Interno autorizzando l'abbattimento del lupo in Trentino Alto Adige. La difesa di un animale protetto, che pur in espansione conta ancora pochi esemplari (38 in Alto Adige, 13 in Trentino) e il richiamo a quel piano Lupo del ministero dell'Ambiente che non prevede gli abbattimenti, le ragioni portate avanti dai contrari all'interferenza del Viminale in questa vicenda.  
Al contrario Marco Bussone, presidente nazionale Uncem (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) afferma che è l'economia montana da difendere. "Uncem vuole possano essere difese e salvate le migliaia di pecore e capre, mucche allevate negli allevamenti e negli alpeggi delle aree montane. Devono aumentare e permettere un buon reddito per le imprese, assieme a decisive esternalità ambientali. Siamo dalla parte dei pastori e degli allevatori, dei margari e degli imprenditori agricoli. Perché nelle Alpi e negli Appennini è fondamentale la presenza dell'agricoltura e delle imprese. Troppe aziende negli ultimi hanno interrotto la loro attività mortificate da eccessive regole e burocrazia. Così la superficie agricola si è ridotta e il bosco è tornato a invadere prato pascolo e borghi. La presenza di branchi di lupi sta indubbiamente scoraggiando in molte aree alpine e appenniniche l'attività di allevamento mettendo a rischio anche il tradizionale trasferimento degli animali in alpeggio che, oltre ad essere una risorsa fondamentale per l'economia montana, rappresenta anche un modo per valorizzare il territorio e le tradizioni culturali che lo caratterizzano. Senza i pascoli le montagne muoiono, l'ambiente si degrada e frane e alluvioni minacciano le città. Anche Uncem oggi si aspetta dal Ministero dell'Ambiente e dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali un impegno concreto per tutelare un bene comune, quale è l'agricoltura nelle aree montane, con un sostegno pubblico unito a sistemi di difesa appropriati e un rapido e adeguato rimborso dei danni".