1

tacchini carlo

CATANIA - 31.03.2020 - Carlo

Tacchini ha appreso dello spostamento al 2021 dei Giochi di Tokyo in quel Catania, dove da oltre un mese è in raduno con la Nazionale di canoa. L'azzurro di Verbania, alfiere della Polizia di Stato, resterà in Sicilia sino al 6 aprile, poi rientrerà a casa. "A questo punto posso dire di aver buttato via la stagione - ammette Carlo -. Ma d'altro canto non c'era scelta, è stato giusto posticipare di anno le Olimpiadi: prima viene la salute, i problemi di noi sportivi a confronto sono poca cosa". Tacchini è contento che l'evento sia stato rinviato di un anno (in realtà undici mesi) e che cadrà nell'estate 2021: "Se l'avessero messo la prossima primavera, come avevano detto all'inizio, sarebbe stato molto peggio. Avrebbero completamente rotto i nostri schemi di preparazione". Il vero problema di Carlo è che, pur finalista nel C1 1000 ai Mondiali 2019, non è ancora qualificato ai Giochi. Avrebbe dovuto provare a staccare il pass nelle prove selettive di questa primavera, che ovviamente sono saltate. Prosegue il campione: "Quello che mi pesa è che adesso resterò un altro anno col dubbio se potrò andare o meno a Tokyo. Le prove selettive nuove dovrebbero essere messe ad aprile-maggio 2021. Un anno per un atleta è davvero un'infinità". Non del tutto soddisfatto dai criteri selettivi che la Federazione internazionale di canoa ed il Cio hanno scelto negli anni, a prescindere dal coronavirus, Tacchini potrebbe beneficiare di un anno in più di crescita fisiologica. Spiega: "Ho solo 25 anni e credo di avere ancora un paio di stagioni di potenziale miglioramento fisico. Forse questi undici mesi di attesa potrebbero darmi qualcosa in più. Uso il condizionale ovviamente, in queste cose non c'è mai nulla di certo". La Federcanoa mondiale, che ha annullato tutte le gare fino a fine stagione 2020, potrebbe organizzare in autunno qualche evento giusto per consentire ai suoi atleti un minimo di confronto. "E' quello che mi auguro - conclude Tacchini -. Se l'emergenza sanitaria verrà superata nei prossimi mesi, potremmo anche disputare i Campionati italiani di settembre, che sono pur sempre un evento importante".