1

tribunale aula b vuota

VERBANIA - 02-04-2020 -- Anche l’attività

della giustizia è rallentata dal coronavirus. Le norme di prevenzione del contagio hanno imposto la revisione degli orari e l’organizzazione degli uffici al Tribunale di Verbania, che resta aperto per gli affari urgenti non rinviabili. Le disposizioni provenienti dal governo e dal ministero della Giustizia, declinate a cascata nei provvedimenti della Corte d’Appello e del Tribunale, hanno di fatto azzerato i procedimenti civili e penali di giudice di pace, giudice monocratico e collegio. Sono ammesse solo le udienze di convalida degli arresti e quelle in cui gli imputati sono sottoposti a misure cautelari per quella causa. In questi giorni il blocco è stato esteso al 2 maggio -salvo modifiche di legge, in un senso o nell’altro- mentre, a livello locale, avvocati e magistrati hanno discusso di come utilizzare strumenti telematici. A Verbania il presidente del Tribunale Luigi Montefusco ha trovato un’intesa con il consiglio dell’Ordine degli avvocati per le udienze a distanza. “Utilizzeremo la videoconferenza – spiega il presidente dell’Ordine, Marco Marchioni –. Nel caso di udienze urgenti, come per esempio la convalida di un arresto, faremo in modo che tutti si stia a distanza di sicurezza”. Il detenuto interverrà in videochiamata (con un software da definire) dal carcere, dalla caserma o dal commissariato dove si trova ristretto. “Avvocato, pubblico ministero e giudice saranno in aula, a debita di distanza tra di loro, collegati in diretta – prosegue –. L’avvocato, nel rispetto dei diritti dell’imputato, avrà una linea protetta per conferire con il cliente senza che nessuno ascolti”.

{} spreaker_tts 24745234 | 696 | 80 | 0 | 0 | Classic {/ spreaker_tts}