1

ospedale punto nascite bambino

OSSOLA- 28-05-2020-- Sos Ossola, tramite il suo

presidente Bernardino Gallo, torna sulla ripartura del punto nascite al san Biagio annunciando una raccolta firme. "Ritorno ancora sulla richiesta di apertura urgente del punto nascite per la difesa vera del San Biagio e di tutta la sanità dell’ASL 14 vco, anche perché sollecitato e supportato innanzi tutto da una prossima partoriente di Domodossola e poi da moltissime persone, particolarmente donne che sono più sensibili su tale tema. Con costoro abbiamo deciso di avviare una nuova raccolta firme, ma sul web, mediante il gruppo facebook Sos Ossola che da anni si è allargato anche al Verbano e al Cusio. Tale raccolta di firme è iniziata il pomeriggio del 26 maggio 2020 e al momento in cui scrivo, ha raggiunte le 90 firme e 62 condivisioni.

Questa nuova forma di raccolte firme è stata scelta per evitare contatti poiché la pandemia da coronavirus non è per niente terminata. Per raggiungere la pagina metto il link e se per caso non siete iscritte/i, sarete ammessi in breve tempo. LINK: https://www.facebook.com/groups/SOS.Ossola/3354158637949896/?comment_id=3358938657471894&notif_id=1590669299590563&notif_t=group_comment

Qualche giorno fa ho anche dialogato, fra tanti, soprattutto col Sindaco Di Domodossola Lucio Pizzi che mi spiegato la sua posizione e del solenne impegno basato sull’assicurazione alla riapertura del punto nascite che gli è stato assicurato da un’importante autorità della Giunta regionale Piemontese. Naturalmente io sono restato e resto della mia opinione e dell’errore di chiudere il punto nascite considerato anche che il suddetto esponente regionale non gode di buona salute politica e poi perché si costringono le partorienti a viaggiare in un momento che bisognerebbe evitare di circolare. Rammento che per le visite specialistiche sia di pediatria sia di ostetricia e ginecologia, si costringono gli utenti ad andare a Verbania, magari dalla valle Formazza! Mi sto sempre di più convincendo che non si abbia alcuna intenzione di riaprire il punto nascite in quanto, i soliti noti pare che abbiano intenzione di occupare parte degli spazi che erano dedicati all’area Materno Infantile per collocarvi un WEEK SURGERY e il Direttore Generale sarebbe informato e consenziente. Se si occupano anche solo pochi spazi della ex area materno infantile, è pacifico supporre che le promesse fatte sono come quelle di un marinaio. Rammento che solo grazie alla mia precedente denuncia è stata garantita l’urgenza e l’emergenza assicurando la presenza di personale sanitario, (medici, infermieri ostetrica). Questo personale oggi è utilizzato davvero al minimo e potrebbe garantire anche molti casi “ordinari” per poter partorire nel proprio territorio con un minimo di supporti. Basterebbero pochi interventi organizzativi e di recupero di strutture, magari dedicare a dormitorio per personale aggiunto a fare da filtro e per il quale potrebbe essere assicurata una sede più adatta in strutture esterne".

In conclusione. se si vuol vincere questa battaglia occorre una grande mobilitazione per garantirci sia il presente che il futuro di tutte le strutture sanitarie ospedaliere e sanitarie dell’ASL 14 Vco".