1

lupo
BERNA- 28-09-2020– Appuntamento alle urne

domenica 27 settembre, per il sistema di democrazia diretta svizzera, con 5  referendum nell’era covid-19. Quasi al termine della giornata di voto, a passare con il sì è la proposta di congedo di paternità pagato per i padri lavoratori, con il 60% circa di cittadini favorevoli. A passare pure la mozione a favore dei 6 miliardi di franchi nell’acquisto di aerei da combattimento pesanti, con una maggioranza risicatissima. La limitazione dell’immigrazione dai paesi Ue voluta da Udc, è stata respinta dal 63% dei votanti e in quasi tutti i cantoni, tranne il Ticino dove il 53% dei voti era favorevole. La proposta sull’aggiornamento della legge venatoria con l’introduzione di piani di abbattimento di specie protette come i lupi, non passa, insieme alla proposta di aumento di rimborsi spesa familiari per i figli a carico. La strategia in alcuni casi intimidatorie di certe frange politiche su pericolosità dell’immigrazione e di alcune specie protette non ha attecchito sulla votazione popolare, per cui le frontiere rimangono aperte nonostante il coronavirus e le specie protette come i lupi rimangono tutelate come in precedenza, nonostante i casi di uccisioni di greggi sulle Alpi rossocrociate. 

Viman